Allenamento respiratorio

Allenamento respiratorio Spiro Tiger

L’allenamento respiratorio interessa molti campi di applicazione, da quelli riabilitativi, a quelli preventivi, a quelli sportivi.
E' utilissimo in tutte le sintomatologie che riguardano le vie respiratorie, indipendentemente dalla eventuale patologia, che è una pertinenza esclusivamente medica.
Nella riabilitazione della BPCO (bronco polmonite cronica ostruttiva), nella mucoviscidosi o fibrosi cistica, nelle malattie neuromuscolari, nella para-tetraplegia, nell’ affanno o respiro corto, nelle forme asmatiche, nel decondizionamento, in tutte le forme ove i problemi articolari a carico del rachide condizionano l’atto respiratorio.
E’ utilissimo anche nelle situazioni meno gravi o che richiedono un’azione preventiva.
L’allenamento respiratorio è ottimo come coadiuvante nelle terapie classiche sia farmacologiche che manipolative o strumentali.
E’ risolutivo nel combattere il russare o nell’apnea durante il sonno, nelle malattie reumatiche (morbo di Bechterew), nei dolori cervicali cronici o nei colpi di frusta e in tutte le fasi pre e post-operatorie.
La migliore ossigenazione indotta dall’allenamento respiratorio, consente una migliore efficacia sia del movimento respiratorio, che agevola la ventilazione, che un migliore scambio gassoso a livello alveolare.
La migliore pressione intratoracica in fase inspiratoria agevola sia il ritorno del sangue venoso, che l’aumento della pressione espiratoria, il che contribuisce a sostenere la sistole cardiaca ed il propagarsi del sangue nelle arterie che sono elastiche.
Un’altra condizione, nella quale l’allenamento respiratorio risulta essere determinante, è rappresentata dai disturbi funzionali subclinici, che possono insorgere nell’ ambito di una respirazione insufficiente non evidenziata, come ad esempio quella troppo superficiale, talora presente anche in persone clinicamente sane.
In questi casi, il lieve stato latente di ipossia e/o ipercapnia, spesso non rilevabile nemmeno con un esame emogasanalitico o semplicemente l’inquinamento cittadino, non causano ancora veri e propri sintomi.
E’ questo lo stadio in cui il disturbo della respirazione rimane sotto una certa soglia, ma che nel tempo, può facilitare l’insorgenza di patologie da carenza cronica di ossigenazione tissutale.
L’allenamento respiratorio è un metodo naturale che non presenta controindicazioni, né effetti collaterali e può risolvere definitivamente i tipi di disturbi succitati.